Freedom (rivista)

Da Anarcopedia.
Jump to navigation Jump to search
The printable version is no longer supported and may have rendering errors. Please update your browser bookmarks and please use the default browser print function instead.
Nuvola apps xmag.png Per approfondire, vedi Freedom.
Testata del primo numero di Freedom, uscito a Londra nel 1886.

Freedom (Libertà) è un giornale inglese fondato a Londra nel 1886 da Pëtr Kropotkin e Charlotte Wilson. Nel 1890 un omonimo giornale comparve a Chicago per merito di Lucy Parsons. Nel 1919 la testata Freedom fece la sua comparsa anche a New York grazie ad Archie Turner.

Londra

Prima pagina del primo numero di Freedom.

Nell'ottobre del 1886, a Londra, Charlotte Wilson e Pëtr Kropotkin fecero uscire il primo numero del mensile Freedom, espressione delle idee anarco-comuniste. Si trattava del primo giornale anarchico inglese, infatti sino ad allora gli anarchici militavano entro organizzazioni socialiste, mancando del tutto specifiche organizzazioni anarchiche. Fu Charlotte Wilson a sentire l'esigenza di fondare un'organizzazione specifica con relativo organo propagandistico (sino ad allora esistevano associazioni socialiste che pubblicavano relativi organi propagandistici: la Federazione Sociale Democratica con Justice y Today, la Società Fabiana con Practical Socialist e Our Corner, la Lega Socialista con Commonweal ecc.). Al giornale collaborarono molti anarchici, alcuni conosciuti e altri meno, come per esempio il britannico Henry Glasse, che una volta trasferitosi in Sudafrica divenne un vero e proprio pioniere dell'anarchismo sudafricano.

Quando Kropotkin giunse a Londra su espresso invito della Wilson i due concretizzarono l'idea anarchica, fondando il giornale e parallelamente ad esso anche un'attività editoriale (Freedom Press), permettendo così la pubblicazione di saggi e articoli di diversi autori legati al movimento anarchico nazionale e internazionale.

Autodefinitosi inizialmente come «Pubblicazione del Socialismo Anarchico», a partire dal giugno del 1889 assunse il sottotitolo «Pubblicazione del Comunismo Anarchico»; dal 1927, a causa della crisi dell'anarchismo, Freedom sospese le pubblicazioni, riprendendole durante la rivoluzione spagnola (1936). Dopo un nuovo stop a causa dello scoppio della Seconda guerra mondiale, il foglio fu nuovamente stampato a partire dall'agosto 1945. Il giornale è ancora oggi pubblicato.

Chicago

L'11 novembre 1890, uscì a Chicago il primo numero del giornale Freedom, sottotitolato «A Revolutionary Communist-Anarchist Monthly» («Mensile Rivoluzionario Comunista-Anarchico»). Edito da Lucy Parsons, la data del primo numero venne appositamente scelta in ricordo dell'anniversario dell'esecuzione dei martiri di Chicago (tra cui c'era anche il suo compagno Albert Parsons) nel 1887. Tra i collaboratori: John Artur Andrews, Lizzie M. Holmes, William T. Holmes e Johann Most.

Il mensile cessò le pubblicazioni nell'agosto del 1892, anche se la stessa testata ricomparve nel 1910 (a San Francisco tra il novembre del 1910 e il giugno del 1911), 1919 e 1933.

New York

Il 15 gennaio 1919, uscì a New York il primo numero di Freedom. Sottotitolato «A Revolutionnary Journal Dedicated to Human Freedom» («Giornale Rivoluzionario Dedicato agli Uomini Liberi»), a partire dal 4 aprile cambiò sottotilo in «A Journal of Constructive Anarchism» («Giornale dell'Anarchismo Costruttivo»). Edito prima da Archie Turner e poi da Harry M. Kelly, un anarchico legato a Leonard D. Abbott. L'ultimo numero è datato ottobre-novembre 1919.

Voci correlate

Collegamenti esterni