Urbanistica

Da Anarcopedia.
Jump to navigation Jump to search
STUB3.png
Questa voce è in corso di lavorazione e quindi è incompleta, se puoi migliorala adesso. Te ne sarà grata tutta la comunità di Anarcopedia.
Carlo Doglio, sociologo ed urbanista anarchico

L'urbanistica, attraverso la coordinazione di diversi saperi derivanti da diverse ma correlate discipline (architettura, ingegneria, ecologia, sociologia, diritto, economia, ecc.), è una disciplina che si occupa di studiare la progettazione e lo sviluppo delle città e degli insediamenti urbani.

Storia e sviluppo dell'urbanistica

Colin Ward, anarchico e studioso dell'urbanistica.

L'urbanistica si sviluppa come disciplina autonoma nel XIX secolo quando la rapida e disordinata crescita urbana, a seguito della rivoluzione industriale rese necessaria l'organizzazione degli agglomerati urbani e dei territori circostanti.

Nascita delle prime città

I primi concentramenti urbani nacquero in epoca neolitica, con lo sviluppo dell'agricoltura e l'abbandono delle attività dei cacciatori-raccoglitori. Le scoperte archeologiche di alcune città delle cosiddette società gilaniche evidenziarono il prevalere di una disposizione circolare dell'agglomerato delle abitazioni; i siti archeologici di Çatal Hüyük e Hacilar (attuale Turchia) dimostrano che all'epoca, quantunque non formalmente non dominasse nessuna autorità e non vigesse nessuna gerarchia, esistesse una pianificazione urbana particolarmente ordinata e curata. Altre città sono state ritrovate anche in (Uruk e Ur), in Palestina (Gerico), lungo il Nilo, nella vallata dell'Indo ed in Cina.

Anarchismo e urbanistica

Exquisite-kfind.png Vedi Anarchismo e urbanistica.

L'anarchismo, essendo un pensiero rivoluzionario che coinvolge tutti gli aspetti della vita umana, si è da sempre interessato alle problematiche urbanistiche, promuovendo critiche alla concezione attuale delle città e proponendo la progettazione e realizzazione di un nuovo sviluppo urbanistico che promuova la libertà e l'autonomia individuale e collettiva.

Bibliografia

  • Leonardo Lippolis, Viaggio al termine della città. La metropoli e le arti nell'autunno postmoderno (1972-2001), Eleuthera, 2009
  • Lamberto Boghi, La città e la scuola, Eleuthera, 2008
  • Carlo Cellamare, Fare città. Pratiche urbane e storie di luoghi, Eleuthera, 2008
  • Michel Foucault, Sicurezza, territorio, popolazione (1977-1978), a cura di François Ewald, Alessandro Fontana e Michel Senellart, trad. Paolo Napoli, Feltrinelli, Milano, 2005.
  • Paolo Cottino, La città imprevista. Il dissenso nell'uso dello spazio urbano, Eleuthera, 2003
  • Raymond Lorenzo, La città sostenibile. Partecipazione, luogo, comunità , Eleuthera, 2003
  • Colin Ward, Il bambino e la città , Feltrinelli, 1999
  • Pietro M. Toesca, Manuale per fondare una città , Eleuthera, 1994
  • Chiara Mazzoleni, Carlo Doglio. Selezione di scritti 1950-1984, Quaderni didattici

Voci correlate

Collegamenti esterni