Sanshiro Ishikawa

Da Anarcopedia.
Jump to navigation Jump to search
Sanshiro Ishikawa

Sanshiro Ishikawa (Saitama, Giappone, 23 maggio 1876 - 28 novembre 1956) è stato un teorico, storico, traduttore, anarchico e anarco-sindacalista giapponese.

Biografia

Sanshiro Ishikawa nasce il 23 maggio 1876 nel dipartimento di Saitama (Giappone).

L'attivismo politico in Giappone

Dopo gli studi di filosofia e di diritto a Tokyo, aderisce nel 1903 alla "Società dell'uomo del popolo" (Heimin Sha), fondata dall'anarchico Shusui Kotoku, per la quale scriverà numerosi articoli contro la guerra russo-giapponese. Durante questo periodo è più vicino al socialismo cristiano che all'anarchismo. Divenuto nel 1905 redattore capo della rivista «Shin Kigen» (Nuova Era), da lui stesso fondata, l'anno seguente chiude il giornale e diviene il direttore di «Sekai Fujin» (Le donne nel mondo) e del n°1 (25 gennaio 1907) del quotidiano «Heimin Shinbun» (Giornale dell'uomo del popolo). Arrestato e trattenuto in carcere sino al maggio 1908 a Tokyo, a causa dei suoi scritti considerati troppo radicali, viene nuovamente arrestato nel maggio 1910, sempre a causa dei suoi scritti, ed internato a Chiba fino al luglio dello stesso anno.

La fuga in Europa

Dopo la grande repressione del 1911, orchestrata dalle autorità giapponesi contro i socialisti e gli anarchici, scappa dal Giappone e arriva in Europa nel 1913. Nel vecchio continente si ferma soprattutto in Belgio e in Francia; entra in contatto con Edward Carpenter e Paul Reclus che lo aiutano a perfezionare la sua formazione politica libertaria. Dimora per un periodo da Paul Reclus a Bruxelles, poi da Edward Carpenter in Gran Bretagna.

All'inizio della prima guerra mondiale pubblica un nuovo giornale, inizialmente a Bruxelles poi a partire dal febbraio 1915 a Parigi. Nel 1917 convive con Paul Reclus a Domme (Dordogne), dal novembre 1919 sino al giugno 1920 soggiorna invece in Marocco, sempre ospite di Paul Reclus e della sua famiglia.

Il rientro in Giappone

Nel 1920 ritorna in Giappone dove fonda un gruppo anarchico, al quale aderisce anche Miura Seiichi, che pubblica il giornale «Kokusen». Intanto il suo accostamento all'anarco-sindacalismo divide gli anarchici giapponesi; nel 1927 partecipa alla fondazione della "Società di educazione mutualistica" e la rivista «Dinamikku»; traduce e pubblica le opere di Kropotkin e scrive un'infinità di articoli. Nel 1946 prende parte alla fondazione della Lega Anarchica Giapponese e del suo organo ufficiale, «Heimin Shinbun» (Il giornale dell'uomo del popolo).

Appassionato di storia, soprattutto di quella dellAsia antica, diviene anche un importante teorico anarchico.

È l'autore di diverse opere sull'anarchismo dal punto di vista estetico; sull'anarchismo e i suoi principi; sulla storia dei movimenti socialisti in Europa e America; sulla mitologia giapponese; scrive una biografia su Élisée Reclus, pubblica numerose traduzioni e alcune monografie (Edward Carpenter, Han Ryner ecc.).

Sanshiro Ishikawa muore il 28 novembre 1956.

Le opere

  • A proposito di cooperative di consumo (1904)
  • Storia del movimento sociale occidentale (1913)
  • Carpenter e la sua filosofia (1921)
  • Giornale di otto anni di vagabondaggio (1922)
  • Elisée Reclus, la sua vita e il suo pensiero (1948)
  • Principi e realizzazione dell'anarchismo (1949)
  • Le onde (1956)
  • Autobiografia (2 vol. 1956).

Voci correlate