Differenze tra le versioni di "Jankel Adler"

Da Anarcopedia.
Jump to navigation Jump to search
m (1 revision imported)
 
 
(Una versione intermedia di uno stesso utente non è mostrata)
Riga 2: Riga 2:


== Biografia ==
== Biografia ==
Nasce a Tuszyn, vicino a ŠódŠº, in [[Polonia]], settimo dei dieci figli di una famiglia ebrea. Nel [[1912]] si trasferisce a Belgrado per studiare incisione con uno zio. Dal [[1914]] vive con una sorella a Barmen, in Germania, dove studia e si diploma nel Collegio di arti e mestieri. Tornato a ŠódŠº nel [[1918]], vi fonda un gruppo di pittori d'avanguardia. Nel [[1920]] vive a Berlino, nel [[1921]] ancora a Barmen e dal [[1922]] a Düsseldorf, dove fa parte di un circolo anarchico e insegna pittura all'Accademia di Belle Arti. Nel [[1928]] riceve il primo premio nella mostra ''L'arte tedesca di Düsseldorf''.
Nasce a Tuszyn, vicino a Łódź, in [[Polonia]], settimo dei dieci figli di una famiglia ebrea. Nel [[1912]] si trasferisce a Belgrado per studiare incisione con uno zio. Dal [[1914]] vive con una sorella a Barmen, in Germania, dove studia e si diploma nel Collegio di arti e mestieri. Tornato a Łódź nel [[1918]], vi fonda un gruppo di pittori d'avanguardia. Nel [[1920]] vive a Berlino, nel [[1921]] ancora a Barmen e dal [[1922]] a Düsseldorf, dove fa parte di un circolo anarchico e insegna pittura all'Accademia di Belle Arti. Nel [[1928]] riceve il primo premio nella mostra ''L'arte tedesca di Düsseldorf''.


Come artista, è influenzato da Picasso e da Léger. Come anarchico, comunista ed ebreo è costretto a lasciare la Germania nel [[1933]], quando prendono il potere i nazisti che sequestrano dalle collezioni i suoi quadri, insieme a tanti altri, e nel [[1937]] li mostrano a Monaco nell'esposizione della cosiddetta « arte degenerata ».   
Come artista, è influenzato da Picasso e da Léger. Come anarchico, comunista ed ebreo è costretto a lasciare la Germania nel [[1933]], quando prendono il potere i nazisti che sequestrano dalle collezioni i suoi quadri, insieme a tanti altri, e nel [[1937]] li mostrano a Monaco nell'esposizione della cosiddetta « arte degenerata ».   

Versione attuale delle 00:55, 12 feb 2020

Jankel Adler

Jankel Adler (Tuszyn, Polonia, 26 luglio 1895 – Londra, 25 aprile 1949), è un pittore e un anarchico polacco.

Biografia

Nasce a Tuszyn, vicino a Łódź, in Polonia, settimo dei dieci figli di una famiglia ebrea. Nel 1912 si trasferisce a Belgrado per studiare incisione con uno zio. Dal 1914 vive con una sorella a Barmen, in Germania, dove studia e si diploma nel Collegio di arti e mestieri. Tornato a Łódź nel 1918, vi fonda un gruppo di pittori d'avanguardia. Nel 1920 vive a Berlino, nel 1921 ancora a Barmen e dal 1922 a Düsseldorf, dove fa parte di un circolo anarchico e insegna pittura all'Accademia di Belle Arti. Nel 1928 riceve il primo premio nella mostra L'arte tedesca di Düsseldorf.

Come artista, è influenzato da Picasso e da Léger. Come anarchico, comunista ed ebreo è costretto a lasciare la Germania nel 1933, quando prendono il potere i nazisti che sequestrano dalle collezioni i suoi quadri, insieme a tanti altri, e nel 1937 li mostrano a Monaco nell'esposizione della cosiddetta « arte degenerata ».

Si stabilisce a Parigi e poi, con l'invasione tedesca della Francia, deve emigrare a Londra, dove conosce Vernon Richards e Maria Luisa Berneri. A lei offre il quadro Omaggio a Durruti, in memoria del grande rivoluzionario spagnolo. Muore il 25 aprile 1949. Alcuni suoi fratelli sono stati assassinati dai nazisti nei campi di sterminio.

Collegamenti esterni