Jesús Flores Magón: differenze tra le versioni

Da Anarcopedia.
Jump to navigation Jump to search
m (Sostituzione testo - "Porfirio Diaz" con "Porfirio Díaz")
 
Riga 21: Riga 21:
* [[Rivoluzione Messicana]]
* [[Rivoluzione Messicana]]


[[Categoria:Politici|Magon, Jesús Flores]]
[[Categoria:Politici|Magón, Jesús Flores]]
[[Categoria:Rivoluzione messicana|Magon, Jesús Flores]]
[[Categoria:Rivoluzione messicana|Magón, Jesús Flores]]

Versione attuale delle 11:57, 10 dic 2020

Jesús Flores Magón

Jesús Flores Magón (San Simón, Messico, 6 gennaio 1871 – Città del Messico, 7 dicembre 1930) è stato un rivoluzionario messicano ed il maggiore dei fratelli Flores Magón (Ricardo ed Enrique Flores Magón).

Biografia

Jesús Flores Magón (il primo a destra), insieme ai fratelli Enrique, e Ricardo.

Figlio di Margarita Magón, messicana di origine meticcia, e Teodoro Flores (indígeno nahua che aveva combattuto nell'esercito liberale di Benito Juárez), Jesús è il mggiore dei tre fratelli Magón.

Completati gli studi da avvocato nel 1897, tre anni dopo fonda con i suoi fratelli il giornale Regeneración. Arrestato numerose volte per la sua opposizione a Diaz, assiste come delegato alla Convención de Clubes Liberales de San Luis Potosí nel 1901. Nel 1902 si sposa con Clara Hong e riduce notevolmente la sua attività politica.

Enrique è il primo dei fratelli ad andare in prigione per essersi opposto al regime del generale Porfirio Díaz. Quando Diaz è destituito, Jesús viene chiamato a collaborare con il capo del nuovo governo: Francisco Madero. Jesús riceve l'incarico di sottosegretario alla Giustizia poi segretario di Governo.

Jesús, rispetto a Ricardo ed Enrique Flores Magón, è il meno radicale dei fratelli Magón, al punto da rompere con Ricardo ed Enrique a causa del loro estremismo di stampo anarchico. Quando gli altri due cominciano ad organizzare diversi gruppi di anarchici di tendenza rivoluzionaria, con l'intento di far scoppiare un'insurrezione anarchica nella Bassa California, tenta di intervenire diplomaticamente ma senza successo.

Al suo ritorno, in contrasto con Madero, rinuncia al suo incarico politco. Durante gli anni seguenti vive a Città del Messico fino all'ascesa di Venustiano Carranza. Abbandona allora il suo paese, restandone lontano fino alla morte di Carranza. Muore a Città del Messico il 7 dicembre 1930.

Voci correlate