Capitalismo di Stato

Da Anarcopedia.
STUB 2.png
Questa voce è in corso di lavorazione e quindi è incompleta, se puoi migliorala adesso. Te ne sarà grata tutta la comunità di Anarchopedia.
Versione moderna della piramide del sistema capitalistico.

Capitalismo di Stato indica il sistema economico-finanziario in tutte le nazioni sotto dittatura comunista di matrice marxista; ugualmente il termine è appropriato per le nazioni sotto dittatura fascista e per quelle cosiddette democratiche. L'espressione significa che tutti i mezzi di produzione e i profitti da questi prodotti sono di esclusiva e totale proprietà  dello Stato, il quale controlla anche le grosse aziende e favorisce lo sviluppo della piccola o medio borghesia.

Capitalismo privato e capitalismo di Stato

Alcuni economisti alimentano una fantomatica divisione del capitalismo in capitalismo privato e capitalismo di Stato; questi però volutamente non tengono conto che è proprio lo Stato a pagare le privatizzazioni, attraverso l'utilizzo della spesa pubblica, che ha la funzione principale di sostenerle:

«... alla fine dell’800 lo Stato italiano ha finanziato la nascita dei settori industriali e delle infrastrutture fondamentali (energia elettrica, siderurgia, ferrovie, ecc.), poi ne ha attuato la privatizzazione, spesso a vantaggio di compagnie con partecipazione straniera; successivamente si sono rese necessarie le nazionalizzazioni per salvare le infrastrutture dal decadimento, e i privati hanno intascato i proventi del risarcimento statale. Una volta che le infrastrutture siano state risanate e rimodernate, si ripropone l’urgenza di privatizzare di nuovo, ovviamente senza che i privati ci rimettano un soldo, perché sarà  sempre la spesa pubblica a pagare le privatizzazioni. Paradossalmente, le tasse e la spesa pubblica vanno a vantaggio proprio di quel settore della società  che esprime il maggior numero di evasori fiscali. La propaganda ufficiale alimenta la menzogna secondo cui le tasse e la spesa pubblica servono a sostenere la spesa sociale, i pubblici servizi; mentre, in effetti, solo una minima parte della spesa pubblica diventa spesa sociale, e il pubblico denaro viene impiegato soprattutto per sostenere l’artificio della proprietà  privata dei grandi mezzi di produzione e delle banche.» (Prove tecniche di privatizzazione)


Voci correlate