Differenze tra le versioni di "Free store"

Da Anarcopedia.
Jump to navigation Jump to search
 
Riga 1: Riga 1:
[[Image:Freestore.jpg|thumb|left|Esempio di free store]]
[[Image:Freestore.jpg|thumb|left|Esempio di free store]]
Un '''''free store''''' è un mercato temporaneo o negozio ove è possibile scambiare prodotti senza denaro: oggetti non piú voluti sono lasciati su un tavolo mentre quelli disponibili sono messi nell'altro.  Anche se i ''free store'' hanno radici nel movimento anarchico, gli [[hippies]] degli anni '60 avevano per primi mantenuto alcuni free store negli USA.  Attualmente l'idea è tenuta in vita dalla nuova generazione di ambientalisti che la vedono utile per promuovere il [[riuso]] di prodotti, e come un progetto con un impatto sociale positivo.  Anche se i free store sono diventati rari negli [[USA]] dopo gli anni '60, il movimento [[freegan]] gli ha ridato impulso, ispirando la fondazione di free store in differenti cittá.  
Un '''''free store''''' è un mercato temporaneo o negozio ove è possibile scambiare prodotti senza denaro: oggetti non piú voluti sono lasciati su un tavolo mentre quelli disponibili sono messi nell'altro.  Anche se i ''free store'' hanno radici nel movimento anarchico, gli hippies degli anni '60 avevano per primi mantenuto alcuni free store negli USA.  Attualmente l'idea è tenuta in vita dalla nuova generazione di ambientalisti che la vedono utile per promuovere il [[riuso]] di prodotti, e come un progetto con un impatto sociale positivo.  Anche se i free store sono diventati rari negli [[USA]] dopo gli anni '60, il movimento [[freegan]] gli ha ridato impulso, ispirando la fondazione di free store in differenti cittá.  


In villaggi e cittá europee, specialmente nel nord, in [[Olanda]] e [[Germania]], un nuovo tipo di free store ha cominciato ad apparire, i ''[[freeshop]]'' o ''give-away shop''.
In villaggi e cittá europee, specialmente nel nord, in [[Olanda]] e [[Germania]], un nuovo tipo di free store ha cominciato ad apparire, i ''[[freeshop]]'' o ''give-away shop''.

Versione attuale delle 13:32, 1 lug 2021

Esempio di free store

Un free store è un mercato temporaneo o negozio ove è possibile scambiare prodotti senza denaro: oggetti non piú voluti sono lasciati su un tavolo mentre quelli disponibili sono messi nell'altro. Anche se i free store hanno radici nel movimento anarchico, gli hippies degli anni '60 avevano per primi mantenuto alcuni free store negli USA. Attualmente l'idea è tenuta in vita dalla nuova generazione di ambientalisti che la vedono utile per promuovere il riuso di prodotti, e come un progetto con un impatto sociale positivo. Anche se i free store sono diventati rari negli USA dopo gli anni '60, il movimento freegan gli ha ridato impulso, ispirando la fondazione di free store in differenti cittá.

In villaggi e cittá europee, specialmente nel nord, in Olanda e Germania, un nuovo tipo di free store ha cominciato ad apparire, i freeshop o give-away shop.

Vedi anche: autogestione dell'economia, economia del dono

Voci correlate

Collegamenti esterni