Virginia Bolten: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
Sostituzione testo - "’" con "'"
m (Sostituzione testo - "’ " con "'")
m (Sostituzione testo - "’" con "'")
Riga 1: Riga 1:
[[File: Virginia Bolten.jpg |thumb|240 px|Virginia Bolten]]
[[File: Virginia Bolten.jpg |thumb|240 px|Virginia Bolten]]
'''Virginia Bolten''' ([[1870]]-[[1960]]) è stata un’anarchica e una [[femminista]] argentina. Fondatrice del giornale [[anarco-femminista]] «[[La Voz de la Mujer]]», esercitò la sua militanza principalmente a Rosario, Buenos Aires e Montevideo (Uruguay). <ref>[http://www.alasbarricadas.org/ateneovirtual/index.php/Virginia_Bolten Fonte principale articolo]</ref>
'''Virginia Bolten''' ([[1870]]-[[1960]]) è stata un'anarchica e una [[femminista]] argentina. Fondatrice del giornale [[anarco-femminista]] «[[La Voz de la Mujer]]», esercitò la sua militanza principalmente a Rosario, Buenos Aires e Montevideo (Uruguay). <ref>[http://www.alasbarricadas.org/ateneovirtual/index.php/Virginia_Bolten Fonte principale articolo]</ref>
== Biografia ==
== Biografia ==


Riga 20: Riga 20:
In ragione del suo intervento in favore del movimento degli inquilini ([[1907]]), in qualità  di militante del Centro Feminino, le viene applicata la famigerata "Legge di Residenza". Costretta all'esilio in [[Uruguay]] insieme al compagno [[Manuel Manrique]] e ai figli (la coppia aveva almeno una figlia, Mary Milagra), la sua casa di Montevideo diviene un punto di riferimento per molti anarchici argentini esiliati. [[Juana Buela Rouco]], nella sua autobiografia ''Historia de un ideal vivido por una mujer'', ne ricorderà  l'impegno e la tenacia nella sua attività  propagandistica tra i lavoratori orientali.
In ragione del suo intervento in favore del movimento degli inquilini ([[1907]]), in qualità  di militante del Centro Feminino, le viene applicata la famigerata "Legge di Residenza". Costretta all'esilio in [[Uruguay]] insieme al compagno [[Manuel Manrique]] e ai figli (la coppia aveva almeno una figlia, Mary Milagra), la sua casa di Montevideo diviene un punto di riferimento per molti anarchici argentini esiliati. [[Juana Buela Rouco]], nella sua autobiografia ''Historia de un ideal vivido por una mujer'', ne ricorderà  l'impegno e la tenacia nella sua attività  propagandistica tra i lavoratori orientali.


Nel [[1909]] collabora con il [[stampa anarchica|periodico]] [[anarco-femminista]] diretto da [[Juana Rouco Buela]], «''La Nueva Senda''» (1909-1910). A Montevideo organizza una pubblica protesta contro la brutale [[repressione]] del [[1° maggio]] [[1909]] a Buenos Aires, quando le forze di polizia di Ramón Falcón assassinarono una decina di operai. Partecipa inoltre alla campagna contro l’esecuzione del [[Pedagogia libertaria|pedagogista libertario]] [[Francisco Ferrer y Guardia]], fucilato a Barcellona nel [[1909]]. Nello stesso anno collabora con l'''Asociasion Femenina- Emancipación'', appoggiando le donne anticlericali, le operatrici telefoniche e impegnandosi contro il riformismo delle suffragete.
Nel [[1909]] collabora con il [[stampa anarchica|periodico]] [[anarco-femminista]] diretto da [[Juana Rouco Buela]], «''La Nueva Senda''» (1909-1910). A Montevideo organizza una pubblica protesta contro la brutale [[repressione]] del [[1° maggio]] [[1909]] a Buenos Aires, quando le forze di polizia di Ramón Falcón assassinarono una decina di operai. Partecipa inoltre alla campagna contro l'esecuzione del [[Pedagogia libertaria|pedagogista libertario]] [[Francisco Ferrer y Guardia]], fucilato a Barcellona nel [[1909]]. Nello stesso anno collabora con l'''Asociasion Femenina- Emancipación'', appoggiando le donne anticlericali, le operatrici telefoniche e impegnandosi contro il riformismo delle suffragete.


Con l'elezione alla Presidenza dell'Uruguay di José Batlle y Ordóñez <ref>José Batlle y Ordóñez è stato Presidente dell'Uruguay dal 15 febbraio al 1° marzo 1899, dal 1 marzo 1903 al 1 marzo 1907 e dal 1 marzo 1911 al 1 marzo 1915.</ref>, Virginia Bolten entra a far parte di un movimento in favore di [[Francisco Berri]], [[Adrian Zamboni]] e [[Orsini Bertani]], cioè di quel gruppo di anarchici che sostenevano le politiche di laicizzazione dello [[Stato]] e la nazionalizzazione dei capitali stranieri portate avanti dal [[governo]] uruguayano.  
Con l'elezione alla Presidenza dell'Uruguay di José Batlle y Ordóñez <ref>José Batlle y Ordóñez è stato Presidente dell'Uruguay dal 15 febbraio al 1° marzo 1899, dal 1 marzo 1903 al 1 marzo 1907 e dal 1 marzo 1911 al 1 marzo 1915.</ref>, Virginia Bolten entra a far parte di un movimento in favore di [[Francisco Berri]], [[Adrian Zamboni]] e [[Orsini Bertani]], cioè di quel gruppo di anarchici che sostenevano le politiche di laicizzazione dello [[Stato]] e la nazionalizzazione dei capitali stranieri portate avanti dal [[governo]] uruguayano.  
Riga 26: Riga 26:
Durante questo periodo, l'[[anarchismo argentino]] perderà  il sostegno popolare a vantaggio del più moderato Partito Socialista. Nel corso del [[1913]], il giornale «''El Socialista''» la accusa esplicitamente di aver tradito il movimento operaio.
Durante questo periodo, l'[[anarchismo argentino]] perderà  il sostegno popolare a vantaggio del più moderato Partito Socialista. Nel corso del [[1913]], il giornale «''El Socialista''» la accusa esplicitamente di aver tradito il movimento operaio.


Poco si sa circa gli ultimi anni della sua vita. Si sa che nel [[1923]] è entrata a far parte del Centro Internazionale di Studi Sociali, un’associazione libertaria di Montevideo. Si pensa che abbia continuato a vivere nel quartiere Manga di Montevideo fino alla sua morte, avvenuta intorno al [[1960]].
Poco si sa circa gli ultimi anni della sua vita. Si sa che nel [[1923]] è entrata a far parte del Centro Internazionale di Studi Sociali, un'associazione libertaria di Montevideo. Si pensa che abbia continuato a vivere nel quartiere Manga di Montevideo fino alla sua morte, avvenuta intorno al [[1960]].
==Note==
==Note==
{{references|2}}
{{references|2}}
56 731

contributi

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti il nostro utilizzo dei cookie.

Menu di navigazione