René Georges Hermann-Paul

Da Anarcopedia.
Versione del 9 lug 2020 alle 18:44 di K2 (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Jump to navigation Jump to search
Autoritratto

René Georges Hermann-Paul (Parigi, 27 dicembre 1874 - Saintes-Maries-de-la-Mer, 23 giugno 1940) è stato un pittore libertario e un disegnatore satirico francese.

Biografia

L'Assiette au Beurre, copertina di Hermann-Paul dedicata alla Vergine Maria

Pittore e disegnatore francese, studiò presso la École des Beaux Arts e alla Académie Julian dove fu allievo di Henri Lerolle e Gustave Colin. Collaborò con numerose riviste e giornali tra i più celebri della Belle Epoque ed in cui ritrasse in modo ferocemente satirico i soggetti più cinici e rappresentativi dei ceti medi francesi della sua epoca, quali La Faridondaine, Le Courier Français, Le Cri de Paris, Le Figaro, Le Petit Bleu, Gil Blas, Le Rire e il giornale anarchico La Feuille. Durante l'affaire Dreyfus si schierò dalla parte degli innocentisti, per cui si diede molto da fare per denunciare le mistificazioni dell'accusa.

La sua opera satirica era soprattutto volta a criticare la mentalità piccolo borghese, tipica degli aspiranti arrampicatori sociali, così come l'acquiescenza allo stato di cose esistente da parte delle organizzazioni politiche o sociali che si dicevano progressiste, facendo così emergere una denuncia della loro ipocrisia e soprattutto del loro oggettivo collaborazionismo verso una società militarista, colonialista, autoritaria, classista. Nel 1895 espresse queste tematiche nelle raccolte Vie de Monsieur Quelconque e Vie de Madame Quelconque, in cui la mediocre ed egoistica mentalità dei ceti medi veniva pesantemente colpita nelle sue aspirazioni pubbliche e private.

Questa propensione di Hermann-Paul alla stigmatizzazione sociale lo rese adatto a collaborare con L'Assiette au Beurre, la più aggressiva ed intelligente rivista di satira dell'epoca di orientamento libertario, di cui egli illustrò moltissimi numeri.

Pacifista e antimilitarista, denunciò con le sue opere le atrocità belliche della prima guerra mondiale.

Voci correlate

Collegamenti esterni