Paul Denais

Da Anarcopedia.
Jump to navigation Jump to search
Paul Denais (a sinistra con i baffi), Sanchez Ruano, Martin, Alberola.

Paul Denais (Rochefort sur Loire, Francia, 12 maggio 1922 - ??) è stato un medico e un comunista francese.

Biografia

Figlio di un segretario del consiglio di amministrazione dell'ospedale psichiatrico del dipartimento Maine e Loire e di una sarta, Paul Denais durante la Seconda guerra mondiale si rifiuta di prestare servizio al lavoro obbligatorio (STO) e si unisce alla Resistenza nel movimento Difesa della Francia. Alla Liberazione riprende gli studi di medicina e diviene medico generico all'inizio degli anni 50. Nel 1958 aderisce alla Fédération Anarchiste e cominciò a collaborare al suo organo Le Monde Libertaire.

Militando all'interno della FA dell'Unione dei Gruppi Anarchici Comunisti (UGAC), Paul Denais partecipa agli inizi degli anni 60 – come molti altri militanti francesi tra cui Alain Pecunia, Yvette Parent, Guy Battoux e Bernard Ferry, o inglesi come Stuart Christie – alle azioni condotte in Spagna dai gruppi delle Gioventù Libertarie (FIJL) contro gli interessi franchisti. Il 12 agosto 1962, insieme a Antonio Martin Bellido èu l'autore dell'attentato commesso contro il monumento della Valle dei morti, azione per la quale verrà condannato nell'ottobre successivo il giovane F. Sanchez Ruano a 28 anni di prigione.

Dopo l'uscita nel 1964 dell'UGAC dalla FA, collabora al bollettino Perspectives anarchistes communistes («Prospettive anarchiche comuniste», Parigi, almeno 7 numeri nel 1967) il cui direttore era Marcel Blanc ed era sottotitolato Bulletin de recherche sur l'autogestion («Bollettino di ricerca sull'autogestione»). Durante quest'epoca insieme ad altri compagni della UGAC compie un viaggio di studio sull'applicazione dell'autogestione in Jugoslavia.

Dopo aver partecipato al movimento del Maggio 68 all'interno del Comité d'initiative pour un mouvement révolutionnaire (CIMR, «Comitato di iniziativa per un movimento rivoluzionario») che raduna comunisti libertari e marxisti non leninisti, e dopo la dissoluzione dell'UGAC nell'autunno del 1969, diventa il direttore (a partire dal n° 3) di Tribune anarchiste communiste (Parigi, almeno 33 numeri dall'autunno 1969 a febbraio 1982, con un supplemento e un numero speciale) sottotitolato Bulletin des anarchistes communistes du mouvement révolutionnaire («Bollettino degli anarchici comunisti del movimento rivoluzionario»)" e animato soprattutto da Guy Bourgeois, Odette Martin, Bernard Cnockeert e P. Depienne. Nel maggio del 1974 viene nominato direttore del bollettino Portugal Libertario (Parigi, 8 numeri, da ottobre 1973 a maggio 1974), sottotitolato Un jornal de todos para todos' («Un giornale di tutti per tutti»), pubblicato da militanti portoghesi vicini all'Organizzazione rivoluzionaria anarchica. Curerà però soltanto l'ottavo ed ultimo numero dal momento che il giornale chiuderà i battenti a causa di numerosi problemi.

Parallelamente, Paul Denais, che era anche iscritto alla CFDT, partecipa ad una missione di aiuto sanitario ai Palestinesi dopo il massacro del Settembre nero (1970) e al comitato d'aiuto medico al Vietnam. Poi viene nominato amministratore insieme a B. Cnockaert del bollettino Contre pouvoirs pour l'autogestion («Contro potere per l'autogestione», almeno 6 numeri, 1983-1985) che tenta di promuovere un raggruppamento della tendenza autogestionaria rivoluzionaria della sinistra alternativa. Dopo il fallimento di questo raggruppamento, diventa il direttore di una nuova serie di Tribune anarchiste communiste («Tribuna anarco-comunista», Parigi, 1987-1993).

Agli inizi degli anni 90, dopo essere andato in pensione come medico reumatologo dei centri della sicurezza sociale, Paul Denais si impegna nelle lotte dei disoccupati all'interno di Agir contre le chomage («Agire contro la disoccupazione», AC) e a favore dei lavoratori privi di documenti.

Voci correlate