Deprecated: Use of SkinTemplateOutputPageBeforeExec hook (used in CookieWarning\Hooks::onSkinTemplateOutputPageBeforeExec) was deprecated in MediaWiki 1.35. [Called from MediaWiki\HookContainer\HookContainer::run in /var/www/html/includes/HookContainer/HookContainer.php at line 137] in /var/www/html/includes/debug/MWDebug.php on line 376

Deprecated: Use of Skin::getRevisionId was deprecated in MediaWiki 1.34. [Called from SkinMinerva::getHistoryLink in /var/www/html/skins/MinervaNeue/includes/Skins/SkinMinerva.php at line 402] in /var/www/html/includes/debug/MWDebug.php on line 376
L. Susan Brown - Anarcopedia

L. Susan Brown

Versione del 31 ott 2020 alle 14:56 di K2 (discussione | contributi) (Sostituzione testo - " elite" con " élite")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

L. Susan Brown (Toronto, 1959) è una anarco-comunista canadese, scrittrice e teorica.

« Mentre la visione popolare dell'anarchismo è quella di un movimento violento e anti-statale, l'anarchismo è una tradizione molto più sottile e sfumata della semplice opposizione al potere del governo. Gli anarchici si oppongono all'idea che il potere e il dominio siano necessari, e sostengono, invece, una maggiore solidarietà e una forma anti-gerarchica di organizzazioni sociali, politiche ed economiche. »

~ L. Susan Brown, The Politics of Individualism

Pensiero

Brown è meglio conosciuta per il suo libro The Politics of Individualism (1993) e per il suo articolo Does Work Really Work?. In The Politics of Individualism fa una distinzione tra «individualismo esistenziale» e «individualismo strumentale» ed esamina come queste forme sono utilizzate nel libertarismo (in particolare nel femminismo libertario) e nell'anarchismo. Sostiene una nuova visione della libertà umana che incorpora le intuizioni del femminismo e del libertarismo in una forma di anarchismo basata sull'«individualismo esistenziale». Il suo lavoro si concentra in particolare sulle somiglianze e sulle differenze di queste filosofie politiche esaminando criticamente gli scritti femministi di John Stuart Mill, Betty Friedan, Simone de Beauvoir e Janet Radcliffe Richards, concentrandosi in particolare sui temi dell'occupazione, dell'istruzione, del matrimonio, della famiglia e della politica governativa. A loro volta, queste opere sono comparate con l'anarco-femminismo di Emma Goldman.

Sia in The Politics of Individualism che in "Does Work Really Work?" la concezione di Brown del socialismo libertario presuppone che tutti i legami sociali debbano esere sviluppati da individui che hanno una pari quantità di potere contrattuale, perché, secondo Brown, un accumulo di ricchezza monetaria porta alla centralizzazione del potere economico e politico nelle mani di una piccola élite, riducendo il potere contrattuale - e quindi la libertà - degli altri individui nella società. Brown fornisce un'analisi approfondita suli motivi per cui il sistema del lavoro salariato è intrinsecamente corrotto e non riformabile e perché deve essere abolito e sostituito con un sistema in cui le persone siano completamente libere di scegliere di svolgere (o non svolgere) attività di volontariato, un sistema che incoraggi le persone ad essere creative e auto-dirette, che celebri il divertimento e la realizzazione. Brown ha pubblicato molti articoli sulla filosofia politica dell'anarchismo e del femminismo e ha tradotto le sue opere in olandese, francese, tedesco e finlandese.

Bibliografia

  • The Politics of Individualism: Liberalism, Liberal Feminism and Anarchism, Montreal, Black Rose, 1993
  • Beyond feminism: Anarchism and human freedom, in Howard J. Ehrlich, Reinventing Anarchy, Again, AK Press, 1996

Voci correlate